Tags

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Francesca Morvillo

Antonio Montinaro

Rocco Dicillo

Emanuela Loi 

Agostino Catalano

Vincenzo Li Muli

Walter Eddie Cosina 

Claudio Traina 

Per tutta la settimana ripeteremo questo articolo in ognuno degli inzines , ( internet magazines),del crossmedia per ricordare le stragi compiute da un non state actor appartenente alla categoria del trannational organized crime noto come mafia .

Provocatoria la scelta di usare 10 teschi invece di altrettante foto.

Provocatoria perche´siamo in giornate post-ballottaggio ed a parte le dichiarazioni , i twitter di rito ed i ” copia&incolla” di citazioni colte nei facebook la testa delle dirigenze delle politics elected elites e´presa a verificare quanti consiglieri ed assessori si siano incamerati o persi… se non a strumentalizzare il ricordo a fini post-ballottaggio

Provocatoria perche´stiamo parlando di un assasinio e quindi non e´il tempo dello sfumato ,del soft, del politically correct … .

Provocatorio che i primi due teschi, quelli per testimoniare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino,siano senza nome dato che che la brevita´dei messaggi twitter, facebook, sms e le necessita´di ottimizzare lo spazio degli articoli dimentica troppo spesso chemorirono in 10 e di citare i nomi di tutti… . Tutti servitori dello state actor chamato Italia.

Per meglio commemorare abbiamo deciso di usare una frase molto profonda scritta da una giovane Ambasciatrice della Lega Italiana dei Diritti Umani , Silvia Morini, a commento del viaggio che hanno fatto con la Presidentessa della LIDU, Tiziana Gardini, presso la Corte di Giustizia Internazionale per assistere ad una seduta del processo contro il boia dei Balcani.

Non è esperienza da tutti i giorni e tantomeno un’opportunità offerta di frequente quella di assistere ad un processo in aula, figurarsi quando è in gioco il giudizio di chi ha a proprio carico l’accusa di aver distrutto migliaia di vite umane. Quasi annoiato lo sguardo dell’imputato, mentre segue l’ennesima seduta volta a giudicare la sua condotta. Esperienza già vista per lui ma molto nuova per noi, che ci guardiamo intorno attenti a cogliere ogni minimo segnale e particolare per riuscire ad immagazzinare più elementi possibili di quell’esperienza che comunque sappiamo irripetibile. E ci stupiamo, ascoltiamo, impariamo. Cresciamo noi e contemporaneamente cresce la nostra consapevolezza del mondo

(Silvia Morini / Ambasciatrice LIDU http://prosumerzen.net/lega-internazionale-per-i-diritti-umani/)

Le parole di Silvia ci hanno fatto pensare ai visi dei capi e dei membri del non state actor chiamato mafia troppe volte visti nei tribunali ed alle migliaia di persone che hanno condannato ad una “morte bianca” nel quotidiano della loro vita.

Grazie Giovanni,Paolo,Francesca,Antonio,Rocco,Emanuela,Vincenzo,Claudio .

Prosumerzen

Prosumerzen autorizza il re-print se si pone a fondo pagina con hyperlink attivo : ” Re-print autorizzato da Prosumerzen http://www.prosumerzen.net”. Inoltre deve essere attivo anche l´hyperlink per la web page della LIDU.

About these ads